Davide

Davide

Davide era così, esuberante.

Era mio cugino di secondo grado almeno credo si dica così. Ha vissuto come un pazzo e molti lo guardavano con diffidenza, quasi come a chiedere “vai più piano”.

Ho perso un drone!

Ho perso un drone!

Vorrei andare a trovare mio fratello che vive a Livorno.
Ha una casa sul mare, una compagna dai capelli rossi e due bambini.

Ma quindi sarebbe arte?

Ma quindi sarebbe arte?

Chi fa arte ha fegato.

Quando l’arte viene uccisa? Forse quando ci danno omogenizzati di percorsi di mestiere fatti di sicurezza impiegatizia.
Che poi ora non è neanche tanto vero, ma almeno hai l’illusione di arrivare a qualcosa che “tanto uno stipendio poi ci esce”.

Vince chi molla

Vince chi molla

Eliminare il superfluo: ansie, peli, pesi, rumori di fondo, rapporti in cui la comprensione diventa un impegno e non empatia. Vince chi molla.

Era il 1989…

Era il 1989…

Era il 1989, ero in terza media e il presidente della Repubblica era Francesco Cossiga ma nell’aria c’era ancora Sandro Pertini che non capivo bene chi fosse ma sapevo essere stato un maestro del popolo prima ancora che capo.

Le cose arrepezzate

Le cose arrepezzate

Quando ero alla Federico II educai I miei sensi alla bellezza fatta di un amore scombinato, arrepezzato, dove passi l’esame si tien a ciort.
La bellezza non e’ cosa da supermercato dove tutto deve essere standardizzato. La bellezza e’ come la mela annurca

questa Milano, che felicità

questa Milano, che felicità

La felicità è un istante.

Ce lo hanno detto gli scrittori importanti, quelli che sanno dire le cose esattamente come le proviamo. E allora lo abbiamo imparato come una massima, come un’equazione: La felicità è un istante.

Presenze

Presenze

Le ho viste punzecchiarsi tutta la vita. Entrambe prime donne, si volevano bene ma spesso si sfruculiavano.

Luna lunella…

Luna lunella…

“Luna lunella, femme crescer ste tettell” così diceva la filastrocca che mi aveva insegnato mamma.
Una preghiera alla luna per far crescere il seno.

Scampoli di muri

Scampoli di muri

Anni 90: collari in caucciu, felpe avirex, borse naj oleari e bullismo
In classe c’era un ragazzo di colore. L’ho capito più tardi che era di colore. Allora era solo un ragazzo e pure carino ed era un amico,

Comprare casa, che avventura!

Comprare casa, che avventura!

E’ arrivato il momento. Devi comprare casa perché sono due milioni di anni che sei in affitto e data le precarietà del futuro, che i contratti a tempo indeterminato in verità sono determinati di tempo, meglio mettersi un riparo sulla testa.

Preghiera a Federico, Lode a Fellini

Preghiera a Federico, Lode a Fellini

Caro Federico, è a te che mi rivolgo perché sei la mia fonte di eccesso e insensatezza. Sei il mio guru della genialità e della pazzia.
Sei per me la luce che mi aiuta a vedere la bellezza dove gli altri vedono la volgarità, la magia dove gli altri vedono la pazzia, il genio dove…

Socializziamo, siamo social!

Socializziamo, siamo social!

Social, eccoci allo specchio.
Quando ti taggano le foto in cui eri adolescente e tu ti senti Sara Jessica Parker in footloose – quelli pieni di amanti ma la foto con la moglie sul profilo

Traslocanti

Traslocanti

La mia amica mi manda un messaggio su whatsapp con la voce commossa e mi chiede un post sui cambiamenti. Si sta trasferendo e la sua tristezza ha bisogno di sorridere.

Ma che è ‘sto Pokemon go?

Ma che è ‘sto Pokemon go?

In questo periodo a Milano ti può capitare di notre una certa lentezza. Macchine, bici, vanno lente come se stessero guardando il sedere di Malena del film di Tornatore. Mi sono ricordata di quando

40 anni. Volume 1

40 anni. Volume 1

A 40 anni ci sono diverse questioni. Dal punto di vista caratteriale, sai bene cosa di te fa schifo, ne sei consapevole e non lo neghi e questo