schermata-2016-11-07-alle-14-11-24

I più letti

nl-smarginature2

I più recenti

Seguimi su Facebook

schermata-2016-11-07-alle-14-11-24

Il cappello è sempre una buona idea, sia per gli uomini che per le donne e ci sono diversi motivi.

  • fa compagnia
  • nasconde
  • rende di carattere un look anonimo
  • ti aiuta se sei senza trucco
  • è un amico se hai i capelli in disordine (nel caso degli uomini che hanno smesso di sperare dal tricologo, aiuta a coprire la testa che da Ottobre ad Aprile hanno già la prenotazione per la sinusite cronica)

schermata-2016-11-07-alle-14-38-48
Ci vuole un pizzico di coraggio.
Quel coraggio da 1 euro di noi persone normali, che ti fa fermare al giallo anche se tutti ti danno del
coglione e suonano il clacson, quello che ti fa bussare alla porta del vicino per chiedere un limone, anche se sei a disagio.
Quindi non è difficile, richiede solo un po’ di batticuore. Soprattutto se ne porti uno come quello che ho nella foto di copertina, ammetto che qui faccio a gara con l’ombrellone del lido “Delfino Blu”, ma ad ognuno la sua misura, modello, colore e porzione di faccia di bronzo!

La coppola rende gli uomini così interessanti. Basta un cappotto, scarpe da ginnastica e una coppola. Adesso poi con l’invasione hipter ci pensa la barba a rendere tutto definitivamente misterioso. Un uomo con la coppola è cool e masculo.

Il cappello con la falda è per gente di carattere. Se sei in giro e guardandoti nelle vetrine, decidi che “per-te-è-no”,  difficilmente puoi piegarlo e metterlo in tasca. Lo metti e devi tenerlo, che in mano poi dà fastidio. Però ha la personalità della Callas quando disse:

“Paragonare me alla Tebaldi è come paragonare lo champagne al Cognac, anzi alla Coca Cola”

Il berretto di lana è quello utile. Non sono un’adepta delle cose utili, preferisco quelle inutili ma tanto glam. Devo ammettere tuttavia, che la chiave moderna del berretto di lana è tutt’altro che anonima. E poi ora va di moda lo stile Rapper che segue anche chi non sa rappare manco la lista della spesa scritta in Arial 30. E così possiamo andare all’Esselunga col nostro cappelletto nero e la cricca di amici DJ Fede, Guè Pequeno e Marrachesh. YO!

Quella sera Maria Callas andò a cena con Onassis. Aveva un cappellino piccolo, tondo, con la veletta e gli chiese “Ti piace il mio cappello nuovo?”.
Lui rispose “Armonia, tesoro, armonia… O ti metti un cappello più grosso, o ti tagli un pezzo di naso”.

Lei non rispose, e allora io dal basso della mia rozza attitudine all’esuberanza plebea gli rispondo “Sei un volgare cafone, becero, villano, zotico messo accanto ad una perla!”.

E vorrei che rispondesse “Chapeau!”.

SE VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO, CLICCA SULL’ICONA G+ . GRAZIE!

Copyright © 2016 www.smarginature.it  by E.M. -Tutti i diritti riservati – All rights reserved

I più letti

nl-smarginature2

I più recenti

Seguimi su Facebook

Related Post

Commenti